Un saluto a otto ragazze speciali!

Rieccomi qua, questa volta per parlare nè di politica, nè di religione e nè di ciò che succede in questo mondo “malato”.
Vorrei parlarvi di persone che questo mondo cercano di migliorarlo, che si mettono al servizio degli altri e lo fanno solo perchè sono buone e altruiste… Ce ne fossero più di persone cosi!!!
Come sapete da ottobre svolgo il servizio civile volontario presso il telefono azzurro. E’ vero, non ne parlo molto, nonostante passi quasi metà della mia giornata in questa struttura. Ma non lo faccio solo perchè qui si vivono a volte emozioni troppo forti e personali per essere scritte in un blog.
Ma questa volta un commento era doveroso, perchè da domani molte di queste emozioni verranno a mancare.
Otto ragazze finiscono il loro servizio civile e da domani in questo ufficio lasceranno un vuoto quasi incolmabile.
Quando ad ottobre entrai per la prima volta in questo ufficio la prima impressione che mi diedero fu quella di un gruppo affiatato e unito e nonostante ci siano stati degli scontri (com’è normale in qualsiasi lavoro) è quello che penso ancora.
Ci hanno subito aggregato a loro, senza mai isolarci, nonostante lavorassero insieme già da 7 mesi. Ci hanno aiutato a crescere e capire come si lavora qui dentro e lo hanno fatto sempre con il sorriso e il buonumore.
E credetemi, lavorare qui dentro non è affatto facile!
Ma nonostante ci siano stati momenti di caos totale, di sconforto e di agitazione, chi ha lavorato qui dentro lo ha fatto sempre con il sorriso sulle labbra e con una determinazione nel lavoro che non avevo mai visto prima.
Ragazze che hanno dato tutta la loro disponibilità solo per il bene di questo ente e di questo servizio (il mitico 114!).
Che si sono fermate oltre l’orario di ufficio, che si sono fatte sabati, domeniche e giorni festivi, a volte come se gli fosse quasi dovuto e senza un minimo di ringraziamento, e per questo non posso far altro che ammirarle.
Non voglio star qui a raccontarvi quello che è successo qui in questi 5 mesi (anche perchè finirei domani mattina), perchè non mi sembra giusto nei loro confronti e soprattutto perchè le emozioni che hanno provato rimarranno sempre nei loro cuori e nessuna frase può descrivere queste emozioni.
Ognuna di loro ci ha insegnato qualcosa, soprattutto a lavorare in gruppo.
Ho provato a scrivere qui quello che non riesco a dire a voce (essendo troppo timido) sperando che venga apprezzato da loro.
Quello che è sicuro è che da domani sarà difficile tornare qui con lo stesso sorriso senza di loro ma è quello che farò, proprio per loro… (scusate il gioco di parole…).
Spero che nessuno pensi che siano frasi di circostanza perchè non è cosi… perchè mi (ci) mancherete davvero tanto…
Spero anche che nelle mie prossime esperienze lavorative trovi un gruppo di lavoro come quello in cui ho lavorato fino ad ora e che trovi otto (undici!) ragazze speciali come voi.
Nonostante sia stato l’unico ragazzo in mezzo a tutti voi mi avete sempre trattato bene e coccolato e per questo vi ringrazio…
Vi ringrazio perchè anche se non lo sapete è anche grazie a voi se sono più sereno… Non riesco più andare avanti se no scoppio a piangere… non fatelo voi però!
Un bacio quindi a Stefania, Ilaria, Elena, Francesca M, Francesca C, Rossana, Yara, Caterina! (non sono in ordine di importanza!)
 
Mi mancherete… Vi voglio bene!!!
 
Ps: Un saluto anche a chi continuerà a lavorare con me: Michela, Anna, Francesca Mi, Paola e Nadia… voglio bene anche voi
 

KAROL WOJTYLA: UN PAPA-PAPA’? NO!

Proseguo a parlarvi della chiesa cattolica e oggi vi vorrei parlare di Giovanni Paolo II, il papa che in molti vorrebbero santo subito.
Secondo molti Karol Wojtyla è stato uno dei grandi personaggi del XX secolo, un uomo che ha difeso la libertà dei popoli, che si è schierato contro le dittature, che ha combattuto contro la povertà sempre in difesa dei più deboli… Ma è veramente cosi??? E’ stato davvero questo Giovanni Paolo II o è solo quello che hanno voluto farci vedere?! Vediamolo insieme…
  

Giovanni Paolo II, il papa polacco, è deceduto il 2 aprile 2005 dopo più di un quarto di secolo di pontificato.

 

Durante le imponenti commemorazioni della sua morte, ogni voce dissenziente è stata soffocata dall’uniformità di consensi che i servili e in gran parte mediocri giornalisti italiani al servizio dei padroni provvedono ad amplificare sui giornali e nelle televisioni di regime.

 

Al di là dei convincimenti religiosi, è doveroso domandarsi il valore storico e morale di questo pontefice, ma non possiamo certo trovare risposte interrogando esegeti e opinionisti italiani, troppo coinvolti e troppo sensibili alle influenze economiche e politiche del Vaticano.

 

Per capire chi fu veramente Karol Wojtyla bisognerà  allora rivolgersi nei prossimi mesi ai mass media esteri, soprattutto europei, che non hanno mai nascosto con adulazioni interessate la loro vera opinione sul papa attuale.

 

Il pontificato di Wojtyla è stato caratterizzato, tra l’altro, da adunate oceaniche di fedeli ripetute decine di volte per la proclamazione di oltre 500 santi e 1350 beati ( a fronte di 296 santi e 1319 beati da parte di 33 papi precedenti), da cronache interminabili sui suoi viaggi apostolici dal carattere fortemente politico  e dal reiterato tentativo di riunificare le varie confessioni cristiane separate da rivalità se non da odi profondi.

 

Ad un’analisi critica, ben pochi dei progetti del papa sono apparsi coronati da successo tanto che possiamo definire il pontefice uno “sconfitto” dalla storia.  Molta causa delle sue sconfitte risiede nelle contraddizioni del suo operato. Vediamo.

 

La martellante propaganda mediatica vaticana e italiana, che ha conosciuto l’apogeo durante i fasti celebrativi del Giubileo 2000, ha proposto l’immagine di una chiesa trionfante, di una rivincita del cristianesimo militante.

 

A pochi anni dal Giubileo, cardinali come J. Ratzinger, E. Antonelli e T. Bertone ammettono che non oltre il 25% degli europei (il 30% degli italiani) frequenta le chiese e si accosta ai sacramenti, le vocazioni sono in calo, i matrimoni civili stanno sostituendo quelli religiosi e i favorevoli a divorzio, aborto ed eutanasia sono la maggioranza mentre ormai nessuno crede più alla resurrezione  finale dei corpi e pochi credono all’inferno e al diavolo (il papa polacco sì ed ha praticato l’esorcismo a lungo).

 

Wojtyla non è riuscito, nonostante i suoi progetti tradizionalisti, ad arrestare l’incedere della storia né poteva certo farlo offrendo da un lato l’immagine di un cristianesimo conciliante e accondiscendente  e dall’altro avviando battaglie contro le filosofie umaniste laiche, contro la trasformazione della morale, contro i costumi secolarizzati: non si può perseguire da un lato un cristianesimo liberale  e dall’altro la battaglia al preservativo, al diritto di scegliere come morire, alle unioni di fatto, agli omosessuali, agli atei e agnostici che sono l’apice intellettuale dei paesi più evoluti, ai divorziati.

 

Non si possono invitare i rappresentanti di altre religioni, com’è successo più volte anche ad Assisi, in un’assemblea di pace di pari dignità interconfessionale e poi ribadire ripetutamente, soprattutto agli altri cristiani, come nell’enciclica “Veritatis Splendor” che “fuori dalla Chiesa di Roma non esiste salvezza né verità”: non c’è da meravigliarsi che il patriarca cristiano russo-ortodosso non abbia mai voluto Wojtyla sul suolo russo.

 

Riguardo il pacifismo di Giovanni Paolo II, sincera è stata la sua rabbia per le ingiustizie del mondo e per le sofferenze e i martiri di interi popoli della terra, eppure egli non ha dato segno alcuno di aver compreso che il mantenimento della pace richiede strategie complesse e che il diritto internazionale può essere garantito più che con le preghiere con la equa distribuzione delle risorse, la quale non può prescindere dalla pianificazione delle nascite, soprattutto nei paesi del terzo mondo, considerato che le ultime stime della popolazione della Terra sono state riviste verso l’alto (9,1 miliardi nel 2050).

 

Le contraddizioni  tra proclami pacifisti e intransigenza ideologica hanno impedito al Vaticano di Wojtyla di articolare una strategia politica efficace per servire la causa della pace in Palestina, in Asia o in Africa.

 

D’altra parte, proprio il dogmatismo dottrinario che ha concesso solo ogni tanto aperture alle concezioni non cattoliche della vita (aperture tutte ritrattate poco dopo) ha affossato ogni dialogo con le componenti più libertarie e civili della società moderna le quali riconoscono nel papa polacco più un difensore del tradizionalismo e della dottrina tridentina medioevale che un prosecutore delle riforme moderniste avviate da Giovanni XXIII.

Anche nei confronti della donna, Giovanni Paolo II, vittima del suo conservatorismo teologico ha dovuto assumere un atteggiamento ambiguo. Le parole del papa quali ad esempio “la donna è un segno della tenerezza di Dio verso il genere umano” sono state più volte riprese per sottolineare la sua benevolenza verso il sesso femminile ma la donna che Wojtyla ha in mente è la madre del Cristo, disponibile alla tenerezza e alla compassione non la donna moderna che si è emancipata, divorzia, usa i contraccettivi, abortisce e pratica anche l’omosessualità.

 

Con il suo intransigente no  al sacerdozio femminile, alla contraccezione, alla liberazione della donna della condizione di subalternità nella famiglia e nella società, il pontefice ha contraddetto i suoi sentimenti di generosità verso l’altro sesso.

 

D’altra parte, dato che negli accampamenti dei papa-boys durante le manifestazioni giubilari sono state trovate molte confezioni di preservativi consumate significa che a sconfessare, con l’azione, l’adesione dottrinale alle parole della loro guida suprema sono state proprio le ragazze cattoliche.

 

In definitiva, che si celebri pure la memoria di Giovanni Paolo II, lo merita in quanto uomo e in quanto papa, grande soprattutto per la mediocrità di chi gli stava intorno, nei templi come nei gabinetti governativi di tutto il mondo, ma sappia il lettore italiano che il giudizio sul pontificato di questo papa non è unanime e non per pregiudizi anti-cristiani o per complotti anticattolici come qualche malato di vittimismo ha farneticato quando il parlamento europeo ha ricusato l’on. Buttiglione  o ha rifiutato di inserire il preambolo delle radici cristiane nella Costituzione Europea.

 

L’Europa che guarda il futuro vuole semplicemente abbandonare ogni richiamo a passati imbarazzanti, quelli descritti da K.H. Deschner nella “Storia Criminale del Cristianesimo” letto all’estero ma non in Italia dove la verità sembra interessare proprio a pochi, e a dogmatismi di qualsiasi genere.  Senz’altro papa Wojtyla ha fatto parlare di sé e si è conquistato un posto nella storia guidando per oltre 25 anni un miliardo di cristiani ma non potrà essere definito un “grande”, e le prime testimonianze non italiane e non cattoliche lo stanno confermando, dato che di questo titolo si può fregiare solo chi ha contribuito a migliorare in qualunque maniera la condizione degli uomini, di tutti gli uomini del genere umano e non soprattutto quelli appartenenti alla Chiesa di Roma.

  

Ciò che i telegiornali italiani non hanno mai ricordato
in occasione delle commemorazioni su Karol Wojtyla


Karol Wojtyla è stato responsabile della diffusione dell’AIDS in Africa, dove la pubblicizzazione e l’uso dei preservativi, condannati dalla chiesa cattolica, avrebbero potuto salvare dalla malattia milioni di persone, fra cui tantissimi bambini.

Karol Wojtyla ha dato copertura al dittatore, torturatore ed assassino cileno Augusto Pinochet, cui ha stretto la mano durante il viaggio nel martoriato paese sudamericano, nelle cui carceri venivano straziati migliaia di oppositori politici. Non una parola per le vittime ma la benedizione per il carnefice e la sua famiglia.

Karol Wojtyla ha indossato le vesti della pecora e quelle del lupo a seconda degli interessi dell’organizzazione di cui è stato il sovrano. La sinistra lo osanna per il suo pacifismo in Iraq, ma dimentica che egli sostenne e giustificò le guerre che hanno insanguinato la ex Jugoslavia. Con la Croazia cattolica, contro musulmani e ortodossi, il papa dell’ecumenismo religioso ha fatto santo Stepinac, il cardinale che a fianco dei fascisti croati si schierò con Hitler, “inviato da Dio” e benedisse le innumerevoli atrocità perpetrate dagli ustascia con la complicità delle truppe di occupazione italiane.

Karol Wojtyla ha protetto e sostenuto il cardinale Pio Laghi, già nunzio apostolico in Argentina ai tempi della dittatura che massacrò 30.000 persone. Laghi benedisse e coprì i torturatori e gli assassini.

 

Karol Wojtyla ha “beatificato” il papa criminale Pio IX, che fra l’altro autorizzò il crudele rapimento del bambino ebreo Edgardo Mortara, il piccolo ebreo costretto ad essere educato cattolico e a non vedere più i suoi genitori “perfidi giudei”. Pio IX, che secondo Wojtyla è un “esempio di santità”, si distinse anche per aver mandato i soldati mercenari a SPARARE SU UOMINI, DONNE E BAMBINI di Perugia, nel 1859, la “citta’ ribelle” che voleva separarsi dallo stato pontificio per far parte del regno d’Italia, come poi avvenne a furor di popolo 2 anni dopo.

Karol Wojtyla, un “paladino della vita” che ha mantenuto un atteggiamento ambiguo nei confronti della pena capitale, è stato l’alfiere di una cultura di oppressione. Una cultura che vorrebbe la mortificazione della vita delle donne, condannate a partorire ad ogni costo bambini malformati o destinati alla morte per fame. Una cultura che preferisce una vita di dolore ad una di gioia e salute, una cultura che criminalizza i gay, che trasforma il desiderio e l’amore in colpa, che difende chi non è nato e perseguita i vivi.

Karol Wojtyla ha santificato i preti spagnoli che si schierarono in armi con le truppe del catto-fascista Francisco Franco. Questi santi martiri, per nulla pacifisti, volevano rinverdire i fasti della chiesa di Torquemada e dei quemaderos, i “forni collettivi” dove gli eretici erano cotti a fuoco lento.

Ciò che i telegiornali italiani non hanno mai ricordato
in occasione delle commemorazioni su Karol Wojtyla


Karol Wojtyla è stato responsabile della diffusione dell’AIDS in Africa, dove la pubblicizzazione e l’uso dei preservativi, condannati dalla chiesa cattolica, avrebbero potuto salvare dalla malattia milioni di persone, fra cui tantissimi bambini.

Karol Wojtyla ha dato copertura al dittatore, torturatore ed assassino cileno Augusto Pinochet, cui ha stretto la mano durante il viaggio nel martoriato paese sudamericano, nelle cui carceri venivano straziati migliaia di oppositori politici. Non una parola per le vittime ma la benedizione per il carnefice e la sua famiglia.

Karol Wojtyla ha indossato le vesti della pecora e quelle del lupo a seconda degli interessi dell’organizzazione di cui è stato il sovrano. La sinistra lo osanna per il suo pacifismo in Iraq, ma dimentica che egli sostenne e giustificò le guerre che hanno insanguinato la ex Jugoslavia. Con la Croazia cattolica, contro musulmani e ortodossi, il papa dell’ecumenismo religioso ha fatto santo Stepinac, il cardinale che a fianco dei fascisti croati si schierò con Hitler, “inviato da Dio” e benedisse le innumerevoli atrocità perpetrate dagli ustascia con la complicità delle truppe di occupazione italiane.

Karol Wojtyla ha protetto e sostenuto il cardinale Pio Laghi, già nunzio apostolico in Argentina ai tempi della dittatura che massacrò 30.000 persone. Laghi benedisse e coprì i torturatori e gli assassini.

 

Karol Wojtyla ha “beatificato” il papa criminale Pio IX, che fra l’altro autorizzò il crudele rapimento del bambino ebreo Edgardo Mortara, il piccolo ebreo costretto ad essere educato cattolico e a non vedere più i suoi genitori “perfidi giudei”. Pio IX, che secondo Wojtyla è un “esempio di santità”, si distinse anche per aver mandato i soldati mercenari a SPARARE SU UOMINI, DONNE E BAMBINI di Perugia, nel 1859, la “citta’ ribelle” che voleva separarsi dallo stato pontificio per far parte del regno d’Italia, come poi avvenne a furor di popolo 2 anni dopo.

Karol Wojtyla, un “paladino della vita” che ha mantenuto un atteggiamento ambiguo nei confronti della pena capitale, è stato l’alfiere di una cultura di oppressione. Una cultura che vorrebbe la mortificazione della vita delle donne, condannate a partorire ad ogni costo bambini malformati o destinati alla morte per fame. Una cultura che preferisce una vita di dolore ad una di gioia e salute, una cultura che criminalizza i gay, che trasforma il desiderio e l’amore in colpa, che difende chi non è nato e perseguita i vivi.

Karol Wojtyla ha santificato i preti spagnoli che si schierarono in armi con le truppe del catto-fascista Francisco Franco. Questi santi martiri, per nulla pacifisti, volevano rinverdire i fasti della chiesa di Torquemada e dei quemaderos, i “forni collettivi” dove gli eretici erano cotti a fuoco lento.

Anche nei confronti della donna, Giovanni Paolo II, vittima del suo conservatorismo teologico ha dovuto assumere un atteggiamento ambiguo. Le parole del papa quali ad esempio “la donna è un segno della tenerezza di Dio verso il genere umano” sono state più volte riprese per sottolineare la sua benevolenza verso il sesso femminile ma la donna che Wojtyla ha in mente è la madre del Cristo, disponibile alla tenerezza e alla compassione non la donna moderna che si è emancipata, divorzia, usa i contraccettivi, abortisce e pratica anche l’omosessualità.

 

Con il suo intransigente no  al sacerdozio femminile, alla contraccezione, alla liberazione della donna della condizione di subalternità nella famiglia e nella società, il pontefice ha contraddetto i suoi sentimenti di generosità verso l’altro sesso.

 

D’altra parte, dato che negli accampamenti dei papa-boys durante le manifestazioni giubilari sono state trovate molte confezioni di preservativi consumate significa che a sconfessare, con l’azione, l’adesione dottrinale alle parole della loro guida suprema sono state proprio le ragazze cattoliche.

 

In definitiva, che si celebri pure la memoria di Giovanni Paolo II, lo merita in quanto uomo e in quanto papa, grande soprattutto per la mediocrità di chi gli stava intorno, nei templi come nei gabinetti governativi di tutto il mondo, ma sappia il lettore italiano che il giudizio sul pontificato di questo papa non è unanime e non per pregiudizi anti-cristiani o per complotti anticattolici come qualche malato di vittimismo ha farneticato quando il parlamento europeo ha ricusato l’on. Buttiglione  o ha rifiutato di inserire il preambolo delle radici cristiane nella Costituzione Europea.

 

L’Europa che guarda il futuro vuole semplicemente abbandonare ogni richiamo a passati imbarazzanti, quelli descritti da K.H. Deschner nella “Storia Criminale del Cristianesimo” letto all’estero ma non in Italia dove la verità sembra interessare proprio a pochi, e a dogmatismi di qualsiasi genere.  Senz’altro papa Wojtyla ha fatto parlare di sé e si è conquistato un posto nella storia guidando per oltre 25 anni un miliardo di cristiani ma non potrà essere definito un “grande”, e le prime testimonianze non italiane e non cattoliche lo stanno confermando, dato che di questo titolo si può fregiare solo chi ha contribuito a migliorare in qualunque maniera la condizione degli uomini, di tutti gli uomini del genere umano e non soprattutto quelli appartenenti alla Chiesa di Roma.

  

Ciò che i telegiornali italiani non hanno mai ricordato
in occasione delle commemorazioni su Karol Wojtyla


Karol Wojtyla è stato responsabile della diffusione dell’AIDS in Africa, dove la pubblicizzazione e l’uso dei preservativi, condannati dalla chiesa cattolica, avrebbero potuto salvare dalla malattia milioni di persone, fra cui tantissimi bambini.

Karol Wojtyla ha dato copertura al dittatore, torturatore ed assassino cileno Augusto Pinochet, cui ha stretto la mano durante il viaggio nel martoriato paese sudamericano, nelle cui carceri venivano straziati migliaia di oppositori politici. Non una parola per le vittime ma la benedizione per il carnefice e la sua famiglia.

Karol Wojtyla ha indossato le vesti della pecora e quelle del lupo a seconda degli interessi dell’organizzazione di cui è stato il sovrano. La sinistra lo osanna per il suo pacifismo in Iraq, ma dimentica che egli sostenne e giustificò le guerre che hanno insanguinato la ex Jugoslavia. Con la Croazia cattolica, contro musulmani e ortodossi, il papa dell’ecumenismo religioso ha fatto santo Stepinac, il cardinale che a fianco dei fascisti croati si schierò con Hitler, “inviato da Dio” e benedisse le innumerevoli atrocità perpetrate dagli ustascia con la complicità delle truppe di occupazione italiane.

Karol Wojtyla ha protetto e sostenuto il cardinale Pio Laghi, già nunzio apostolico in Argentina ai tempi della dittatura che massacrò 30.000 persone. Laghi benedisse e coprì i torturatori e gli assassini.

 

Karol Wojtyla ha “beatificato” il papa criminale Pio IX, che fra l’altro autorizzò il crudele rapimento del bambino ebreo Edgardo Mortara, il piccolo ebreo costretto ad essere educato cattolico e a non vedere più i suoi genitori “perfidi giudei”. Pio IX, che secondo Wojtyla è un “esempio di santità”, si distinse anche per aver mandato i soldati mercenari a SPARARE SU UOMINI, DONNE E BAMBINI di Perugia, nel 1859, la “citta’ ribelle” che voleva separarsi dallo stato pontificio per far parte del regno d’Italia, come poi avvenne a furor di popolo 2 anni dopo.

Karol Wojtyla, un “paladino della vita” che ha mantenuto un atteggiamento ambiguo nei confronti della pena capitale, è stato l’alfiere di una cultura di oppressione. Una cultura che vorrebbe la mortificazione della vita delle donne, condannate a partorire ad ogni costo bambini malformati o destinati alla morte per fame. Una cultura che preferisce una vita di dolore ad una di gioia e salute, una cultura che criminalizza i gay, che trasforma il desiderio e l’amore in colpa, che difende chi non è nato e perseguita i vivi.

Karol Wojtyla ha santificato i preti spagnoli che si schierarono in armi con le truppe del catto-fascista Francisco Franco. Questi santi martiri, per nulla pacifisti, volevano rinverdire i fasti della chiesa di Torquemada e dei quemaderos, i “forni collettivi” dove gli eretici erano cotti a fuoco lento.

Ciò che i telegiornali italiani non hanno mai ricordato
in occasione delle commemorazioni su Karol Wojtyla


Karol Wojtyla è stato responsabile della diffusione dell’AIDS in Africa, dove la pubblicizzazione e l’uso dei preservativi, condannati dalla chiesa cattolica, avrebbero potuto salvare dalla malattia milioni di persone, fra cui tantissimi bambini.

Karol Wojtyla ha dato copertura al dittatore, torturatore ed assassino cileno Augusto Pinochet, cui ha stretto la mano durante il viaggio nel martoriato paese sudamericano, nelle cui carceri venivano straziati migliaia di oppositori politici. Non una parola per le vittime ma la benedizione per il carnefice e la sua famiglia.

Karol Wojtyla ha indossato le vesti della pecora e quelle del lupo a seconda degli interessi dell’organizzazione di cui è stato il sovrano. La sinistra lo osanna per il suo pacifismo in Iraq, ma dimentica che egli sostenne e giustificò le guerre che hanno insanguinato la ex Jugoslavia. Con la Croazia cattolica, contro musulmani e ortodossi, il papa dell’ecumenismo religioso ha fatto santo Stepinac, il cardinale che a fianco dei fascisti croati si schierò con Hitler, “inviato da Dio” e benedisse le innumerevoli atrocità perpetrate dagli ustascia con la complicità delle truppe di occupazione italiane.

Karol Wojtyla ha protetto e sostenuto il cardinale Pio Laghi, già nunzio apostolico in Argentina ai tempi della dittatura che massacrò 30.000 persone. Laghi benedisse e coprì i torturatori e gli assassini.

 

Karol Wojtyla ha “beatificato” il papa criminale Pio IX, che fra l’altro autorizzò il crudele rapimento del bambino ebreo Edgardo Mortara, il piccolo ebreo costretto ad essere educato cattolico e a non vedere più i suoi genitori “perfidi giudei”. Pio IX, che secondo Wojtyla è un “esempio di santità”, si distinse anche per aver mandato i soldati mercenari a SPARARE SU UOMINI, DONNE E BAMBINI di Perugia, nel 1859, la “citta’ ribelle” che voleva separarsi dallo stato pontificio per far parte del regno d’Italia, come poi avvenne a furor di popolo 2 anni dopo.

Karol Wojtyla, un “paladino della vita” che ha mantenuto un atteggiamento ambiguo nei confronti della pena capitale, è stato l’alfiere di una cultura di oppressione. Una cultura che vorrebbe la mortificazione della vita delle donne, condannate a partorire ad ogni costo bambini malformati o destinati alla morte per fame. Una cultura che preferisce una vita di dolore ad una di gioia e salute, una cultura che criminalizza i gay, che trasforma il desiderio e l’amore in colpa, che difende chi non è nato e perseguita i vivi.

Karol Wojtyla ha santificato i preti spagnoli che si schierarono in armi con le truppe del catto-fascista Francisco Franco. Questi santi martiri, per nulla pacifisti, volevano rinverdire i fasti della chiesa di Torquemada e dei quemaderos, i “forni collettivi” dove gli eretici erano cotti a fuoco lento.

 

 

Comunque vorrei dire a Cristina che queste sono solo alcune cose che Giovanni Paolo II ha fatto per non poterlo chiamare papa-papà… Ce ne sono tante e tante altre e se vorrai te lo posso anche dire… Per ora penso che basti questo…

  

Un saluto a tutti!!!

Fonte:www.cristianesimo.it

Giordano Bruno

Anno Santo 1600, 8 febbraio: Giordano Bruno è condannato al rogo come eretico impenitente e ostinato ed espulso dalla Chiesa; le sue opere vengono bruciate sulla scalinata di Piazza San Pietro e inserite nel “Indice dei libri proibiti”. Viene quindi consegnato al braccio secolare che esegue materialmente le sentenze del Sant’Uffizio (Ecclesia abhorret a sanguine).
All’alba di giovedì 17 febbraio 1600 lascia la prigione di Tor di Nona, viene condotto in processione tra una folla vociante fino a piazza di Campo de’ Fiori. Indossa il sanbenito, un saio penitenziale, ha una mordacchia che gli impedisce di parlare (come dice un avviso: “Per le brutissime parole che diceva”) ed è accompagnato dalle litanie dei frati. Sale al rogo con grande coraggio e dignità viene denudato, legato ad un palo e arso vivo. Sarà ricordato nei secoli come un martire del libero pensiero e dell’intolleranza religiosa.

  

Sono passati 406 anni dal giorno in cui Giordano Bruno fu messo al rogo. 4 secoli nei quali la chiesa non è cambiata affatto… Sono cambiati giusto i metodi di punizione, la gente non viene più torturata o messa al rogo ma la sostanza dei fatti è rimasta intatta. Soprattutto in Italia se si è teologi è difficile, per non dire impossibile, esprimere un opinione divergente da quella di santa romana chiesa. Se un teologo si permette di dire qualcosa che non garba al Vaticano, viene immediatamente invitato a ritrarre il tutto, pena la scomunica.

Questo accade oggi, 19 febbraio 2006, e non 400 anni fa!!!

Come vedete è cambiata solo la punizione e dal rogo si è passati alla scomunica, ma quello che non è cambiato è il modo con cui la chiesa tappa la bocca a chi cerca di contrastarla.

  

Il mio comunque, voleva essere solo un omaggio a un grande filosofo e teologo, che è stato ucciso da cosiddetti “uomini di dio” ma che con Dio non hanno nulla a che fare!!! (anche se sono stati fatti santi!!!).

Purtroppo però nessuno si è sprecato di ricordare come è perchè è morto Giordano Bruno. Nessun tg ha detto almeno una parola a riguardo, facendoci vedere servizi che, sinceramente valgono meno di zero di fronte a questo grande personaggio.

Durante tutto l’anno ci vengono mostrati ricordi o di guerre, o di campi di concentramento, o di grandi massacri che hanno segnato la storia dell’umanità. Si fanno giornate per la memoria dove tutto il mondo ricorda fatti e avvenimenti perchè giustamente non bisogna mai dimenticare affinchè certe cose non succedano più. Ma mai una parola sui crimini della chiesa, mai una parola sui genocidi provocati dai cristiani, mai una giornata della memoria per i milioni e milioni di persone innocenti che hanno perso la vita a causa della chiesa cattolica.

I crimini commessi da questi uomini di chiesa non sono nemmeno paragonabili a quelli del novecento. I modi in cui i prigionieri venivano trattati non possono essere neanche paragonati a quelli dei campi di sterminio (ricordando che i forni crematori provengono proprio dai metodi cristiani, ma almeno in quelli nazisti la gente veniva ammazzata prima di essere bruciata!!!).

Qui di seguito vi elenco solo alcuni metodi che la santa inquisizione usava nei confronti di povere vittime:

  

 

ANNODAMENTO: era una tortura specifica per le donne. Si attorcigliavano strettamente i capelli delle streghe a un bastone. Robusti uomini ruotavano l’attrezzo in modo veloce, provocando un enorme dolore e in alcuni casi arrivando a togliere lo scalpo e lasciando il cranio scoperto. Questa tortura fu usata in Germania anche contro gli zingari (1740-1750) e in Russia nel corso della Rivoluzione Bolscevica nel 1917-1918;
 
DISSANGUAMENTO: era una credenza comune che il potere di una strega potesse essere annullato dal dissanguamento o dalla purificazione, tramite fuoco, del suo sangue. Le streghe condannate erano “segnate sopra il soffio” (sfregiate sopra il naso e la bocca) e lasciate a dissanguare fino alla morte;
  
FORNO: questa barbara sentenza era eseguita in Nord Europa e assomiglia ai forni crematori dei nazisti. La differenza era che nei campi di concentramento le vittime erano uccise prima di essere cremate. Nel XVII secolo più di duemila fra ragazze e donne subirono questa pena nel giro di nove anni. Questo conteggio include anche 2 bambini;
  
PERA: era un terribile strumento che veniva impiegato il più delle volte per via orale. La pera era usata anche nel retto e nella vagina. Questo strumento era aperto con un giro di vite da un minimo a un massimo dei suoi segmenti. L’interno della cavità ne risultava orrendamente mutilato, spesso mortalmente. I rebbi costruiti alla fine dei segmenti servivano per aumentare il danno fisico. Questa era una pena riservata alle donne accusate di avere avuto rapporti sessuali col Maligno;
 
IL TOPO: Tortura applicata a streghe ed eretici. Un topo vivo veniva inserito nella vagina o nell’ano con la testa rivolta verso gli organi interni della vittima e spesso, l’apertura veniva cucita. La bestiola, cercando affannosamente una via d’uscita, graffiava e rodeva le carni e gli organi dei suppliziati. Chissà come i disgraziati riuscissero a sopportare il terrore provocato alla sola vista del topo che da li a poco sarebbe entrato nel suo corpo

E qui mi fermo se no mi viene da vomitare!!! Le altre le potete trovare a questo link: http://www.bloggers.it/Hereticus/index.cfm?blogaction=article_detail&idBlogStorie=2F1C4628-FAB7-BD90-0DF4E871CFB8E4A1

L’ultima domanda la lascio a voi, sperando che qualcuno voglia rispondere! Perchè nessuno parla mai di queste cose???

Perchè???

A presto e aprite gli occhi gente!!! Non fatevi ingannare!!!

CIAO!!!