PAROLA DI DIO…

Dopo più di un mese torno a scrivere sul mio amato blog; mi sono preso una “pausa” di riflessione ma ora sono pronto a ricominciare le mie battaglie.

Non spenderò molte parole per i fatti di questi giorni che hanno visto coinvolto il nostro “caro” pontefice ma un paio di riflessioni sono dovute.

1-   E’ scandaloso come i mass media ITALIANI abbiano accolto il rifiuto di Benedetto XVI a presenziare all’inaugurazione dell’anno accademico alla “Sapienza” di Roma; stamattina non c’era prima pagina di un quotidiano che non riportasse a caratteri quasi cubitali la notizia definendola uno scandalo inaccettabile e una vergogna per il Paese. Ma a vedere i principali giornali esteri la notizia è sembrata passare non in secondo ma addirittura in terzo piano con piccoli trafiletti a bordo pagina. Ma si sa che i nostri media sono papalini e quindi non c’è da stupirsi per quest’ennesima figuraccia del giornalismo italiano. Chissà se domani riporteranno a caratteri cubitali lo scandalo di un ministro della giustizia accusato di concussione e di altri reati di non poco conto?! E chissà se riporteranno sempre a caratteri cubitali lo scandalo di un presidente del consiglio che rifiuta le dimissioni del suo guardasigilli indagato?! Questa è la vergogna del paese! E’ grazie a questo che mezzo mondo ci riderà (giustamente!) dietro.

2-   La mossa del pontefice è stata comunque più che azzeccata; l’ho sempre detto che Ratzinger è un uomo intelligente, molto più del suo predecessore, e per questo è potenzialmente più pericoloso! Perché presentarsi ad un’inaugurazione dove in pochi lo volevano? Perché presentarsi sapendo che sarebbe stato contestato duramente? Molto più semplice rifiutare sapendo ciò che questo rifiuto avrebbe comportato nel nostro Paese, sempre servile ai lamenti provenienti dal piccolo staterello.

Ho sentito accuse di antidemocrazia da parte di esponenti del clero, strano visto che il Vaticano è uno degli stati più antidemocratici al mondo… Ma evidentemente loro credono di poter fare e dire quello che vogliono senza ricevere la minima contestazione, vero Joseph?!

 

Chiuso il capitolo vorrei aprirne subito un altro riguardante un tema che cercherò di sviluppare in più puntate: la pena di morte!

Il 18 dicembre 2007 è stato un giorno storico per molti visto che l’Assemblea Generale delle Nazioni unite ha ratificato, 104 voti a favore, 54 contrari e 29 astenuti, la moratoria approvata dalla commissione.

Una moratoria portata avanti con il sostegno di molti paesi, Italia in primis. Ma il vaticano cosa ne pensa?

Beh a parte le dichiarazioni di facciata non è che il piccolo stato pontificio abbia fatto chissà quali sforzi affinchè questa moratoria venisse approvata. Nessun appello del Papa, poche parole arrivate dagli alti vertici del Vaticano; strano per chi dice di difendere la vita dal suo concepimento sino alla morte naturale.

Non troppo strano per chi conosce la storia e il pensiero che la Chiesa ha avuto per quasi 2000 anni nei confronti della pena di morte. Ma vediamolo insieme…

Lo stato del Vaticano ha abolito la pena di morte soltanto nel 1969… No, non avete letto male, solo 39 anni fa!!!  Vabbè, l’ultima esecuzione nello stato pontificio avvenne durante il pontificato di pio IX (ovviamente santificato!) ma l’articolo 4 della legge fondamentale della città del vaticano nel 1929 recitava così:

 

Art. 4
La pena comminata contro chi nel territorio della Città del Vaticano commette un fatto contro la vita, la integrità o la libertà personale del Sommo Pontefice è quella indicata nell’articolo 1 della legge del Regno d’Italia 25 novembre 1926 n. 2008.

Ma cosa dice questo articolo 1?

ART. 1

Chiunque commette un fatto diretto contro la vita, l’integrità o la libertà personale del re o del reggente è punito con la morte. La stessa pena si applica, se il fatto sia diretto contro la vita, l’integrità o la libertà personale della regina, del principe ereditario o del capo del governo.

Quindi solo nel 1969 il Vaticano abolisce definitivamente la pena di morte all’interno del suo territorio… Ma cosa dice il catechismo a riguardo?

Beh l’ultima stesura approvata nel 1992 da Giovanni Paolo II recita così: « L’insegnamento tradizionale della Chiesa non esclude, supposto il pieno accertamento dell’identità e della responsabilità del colpevole, il ricorso alla pena di morte, quando questa fosse l’unica via praticabile per difendere efficacemente dall’aggressore ingiusto la vita di esseri umani. Se, invece, i mezzi incruenti sono sufficienti per difendere dall’aggressore e per proteggere la sicurezza delle persone, l’autorità si limiterà a questi mezzi, poiché essi sono meglio rispondenti alle condizioni concrete del bene comune e sono più conformi alla dignità della persona umana.Oggi, infatti, a seguito delle possibilità di cui lo Stato dispone per reprimere efficacemente il crimine rendendo inoffensivo colui che l’ha commesso, senza togliergli definitivamente la possibilità di redimersi, i casi di assoluta necessità di soppressione del reo sono ormai molto rari, se non addirittura praticamente inesistenti. »

Una posizione leggermente ambigua, non credete?

Ma vediamo velocemente come in precedenza la pena di morte non fosse affatto sconsigliata dal catechismo e dai vari pontefici:

14 Giugno 1905  Catechismo Maggiore Papa  PIO X

413. Vi sono dei casi nei quali sia lecito uccidere il prossimo?

E’ lecito uccidere il prossimo quando si combatte in una guerra giusta,quando si eseguisce per ordine dell’autorità suprema la condanna di morte in pena di qualche delitto; e finalmente quando trattasi di necessaria e legittima difesa della vita contro un ingiusto aggressore.

E ancora in precedenza:

1545-1563   Catechismo del concilio di Trento

328. Eccezioni al quinto comandamento

Altra categoria di uccisioni permessa è quella che rientra nei poteri di quei magistrati che hanno facoltà di condannare a morte. Tale facoltà, esercitata secondo le norme legali, serve a reprimere i facinorosi e a difendere gli innocenti. Applicandola, i magistrati non solamente non sono rei di omicidio, ma, al contrario, obbediscono in una maniera superiore alla Legge divina, che vieta di uccidere, poiché il fine della Legge è la tutela della vita e della tranquillità umana. Ora. le decisioni dei magistrati, legittimi vendicatori dei misfatti, mirano appunto a garantire la tranquillità della vita civile, mediante la repressione punitiva dell’audacia e della delinquenza. Ha detto Davide: "Sulle prime ore del giorno soppressi tutti i peccatori del territorio, onde eliminare dalla città del Signore tutti coloro che compiono iniquità"

(Salmo 100, 8).

Ma allora uccidere è permesso??? Su quali basi si è basata (scusate il gioco di parole) la Chiesa per giustificare la pena di morte? Ma sulle SACRE scritture ovviamente!!!

C’è un quinto comandamento che dice a chiare lettere: “Non uccidere” ma…

Siamo così sicuri che era un comandamento universale?

Innanzitutto, la maggior parte degli omicidi avallati da Dio sono successivi al Decalogo.
Di conseguenza, o Dio ha cambiato idea dopo il Decalogo (non-uccidere e poi uccidere) oppure c’è una "contraddizione interna" al pensiero di Dio.

In realtà, nessuna delle due ipotesi è corretta.
Dio non ha cambiato idea perché 20 righe dopo il Decalogo ha già ordinato di uccidere. Un cambiamento troppo evidente e repentino, inconcepibile anche per un saggista umano.
Dopo aver dettato il Decalogo, c’è tantissimo nero su bianco sulla legittimità di uccidere i nemici nella "guerra giusta" (per la terra promessa da Dio…), di decapitare l’adultera che infrange la Legge di Dio, di eseguire la pena di morte (
sia messo a morte) nei casi previsti da Dio, senza dimenticare l’infanticidio commesso direttamente da Dio (2-Samuele 12,14).

Il verbo uccidere, statisticamente, è una delle voci più presenti nella Bibbia: ricorre con vari sinonimi per ben 539 volte!!!

E in molti casi sarà Dio stesso ad uccidere, ma questo lo vedremo nella prossima puntata… J

Ma un antipasto ve lo voglio dare:

·         Il Signore mi disse: Non lo temere, perché io darò in tuo potere lui, tutta la sua gente e il suo paese… Noi le votammo allo sterminio… ogni città, uomini, donne, bambini.

          Deuteronomio 3,  2 e 6

·         Ecco, il giorno del Signore arriva implacabile, con sdegno, ira e furore, per fare della terra  un deserto, per sterminare i peccatori.

 I loro piccoli saranno sfracellati davanti ai loro occhi; saranno saccheggiate le loro case,disonorate le loro mogli.

Con i loro archi abbatteranno i giovani, non avranno pietà dei piccoli appena nati, i loro occhi non avranno pietà dei bambini.

 

Isaia 13, 9-16-18

 

·         Il Signore gli disse: "Passa in mezzo alla città, in mezzo a Gerusalemme e segna un tau sulla fronte degli uomini che sospirano e piangono per tutti gli abomini che vi si compiono".

Vecchi, giovani, ragazze, bambini e donne, ammazzate fino allo sterminio…

 

Ezechiele 9, 4 e 6

Parola di Dio…

Rendiamo grazie a Dio???!!!

Ps: Mi dispiace di aver trascurato i miei amici bloggisti in questo mese; sappiano comunque che non li ho di certo dimenticati ma come mi ha detto qualcuno… è difficile non farsi ingoiare da questa vita!!!

 

6 Risposte

  1. Salve marco, felice di leggerti.
    Peccato che il papa non abbia parlato alla sapienza…. quello più parla meglio è per la causa laicista. :-)))
    Ciao
    Angelo

  2. Se decidi di attaccare il vaticano, mi vedi sempre come tuo alleato, ma è meglio farlo con correttezza!
    Secondo me il papa doveva essere autorizzato a parlare perchè in uno stato democratico la chiesa deve aver diritto di parola…quello che non deve avere è il potere diretto o indiretto di governare e per questo dobbiamo rivolgerci a quella classe politica di incapaci!
    Poi al papa va dato il rispetto formale che spetta ai capi di stato stranieri!
    Ciò detto, ovviamente critico quasi tutto quel che dice e pensa! Hehe!
    A presto!

  3. PS: in passato la chiesa ha commesso atrocità, non ci sono dubbi, ma va detto che sono anni che si dice apertamente contraria alla pena di morte.
    Lo dico per correttezza…se si attacca democraticamente e dando tutte le informazioni, si ottengono risultati laicisti più efficaci! 😉

  4. Ciao Marco.
    Ho letto alcune cose nei commenti sotto di me… e su alcune cose avrei da ridire. Se è vero che il rispetto è alla base del dialogo è anche vero che io non mi sono sentito rispettato quando il papa ha affermato che agnosticismo e ateismo sono a tutti gli effetti mali del mondo in quanto confutano l\’unica grande Verità. Già questo mi pone su un gradino più alto di lui…non lo reputo avente diritto della collettiva attenzione. Se la democrazia si basa sul rispetto il papa è il più antidemocratico degli intelocutori, perchè in quanto fedele non accetta a priori un dialogo che possa mettere in crisi la sua autorità. Non trovo senso nel parlare di "correttezza" con una persona scorretta che capeggia una istituzione della pari forma. 
    E\’ stata una mossa in malafede, quella del papa, poichè in suo "eventuale discorso" non avrebe trattato temi aperti alla confutazione (base del confronto) bensì la presa d\’atto di uno status nel quale la Cristianità vive. Inoltre i manifestanti non hanno impedito fisicamente al papa l\’accesso in facoltà (non ne avrebbero avuto il potere) si sono limitati a contestare la sua presenza in un luogo equilibrato dove la cultura non porta vessilli di fede, non porta vessilli in assoluto. La presenza papale avrebbe avuto senso se accanto vi fossero stati anche altri esponenti religiosi, compresi quelli che della religoine ne fanno a meno e intavolano lo stesso interessanti teorie…QUESTA è DEMOCRAZIA!!!
     In conclusione il papa ha dimostrato di non avere palle…
     
    un saluto
    Ale

  5. Non sono d\’accordo col vaticano neppure riguardo alla pena di morte.
    Anche se adesso và tanto di moda….
    Ciao
    Angelo

  6. Il primo comandamento dice:AMA IL SIGNORE DIO TUO E IL PROSSIMO TUO COME TE STESSO!!!Questo basta per capire tutto il decalogo!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: