Nonostante tutto…

Nonostante le ultime discussioni, nonostante qualcuno abbia ancora il coraggio di dirci che non possiamo amare e vivere appieno questa vita solo perchè non crediamo nel loro Dio, nonostante i commenti deliranti di individui  che poi si autocensurano, nonostante non abbia ricevuto risposte alle mie domande ma solo accuse o versetti scopiazzati dalla Bibbia, nonostante gli anatemi lanciati,  beh nonostante TUTTO io vado avanti per la mia strada.
Continuerò a farmi e a farvi domande, continuerò a combattere la religione quando questa scavalcherà la sfera personale e influenzerà in modo negativo la vita degli altri, continuerò a giudicare Dio (o l’idea di Dio) perchè le idee non mi hanno mai fatto paura e i personaggi letterari tanto meno.
Continuerò a fare tutto questo, da solo, con chi vorrà seguirmi, o con chi vorrà confrontarsi in modo costruttivo e razionale.
Ma prima di iniziare con nuovi post vi lascio queste parole augurandovi un buon week end.
 
“La nostra fede non è una fede. Non intendiamo basarci esclusivamente sulla scienza e sulla ragione, perché questi sono elementi necessari piuttosto che sufficienti, ma diffidiamo di qualsiasi cosa contraddica la scienza o offenda la ragione. Possiamo non essere d’accordo su molte cose, ma rispettiamo la libera ricerca, la spregiudicatezza e il perseguimento delle idee per il loro intrinseco valore …
Crediamo senza titubanza che una vita etica possa essere vissuta senza religione. E diamo per ovviamente vero il corollario: che la religione ha fatto sì che innumerevoli individui non solo non si siano comportati meglio degli altri, ma ha concesso loro il permesso di comportarsi in modi che farebbero sollevare il sopracciglio di una tenutaria di postriboli o di un appassionato di pulizia etnica.

Christopher Hitchens, Dio non è grande, Einaudi 2007

7 Risposte

  1. Tesoro, ora di scopiazzo anche io un versetto biblico: "" Perché guardi la pagliuzza che è nell\’occhio del tuo fratello, e non t\’accorgi della trave che è nel tuo? Come puoi dire al tuo fratello: Permetti che tolga la pagliuzza che è nel tuo occhio, e tu non vedi la trave che è nel tuo? Ipocrita, togli prima la trave dal tuo occhio e allora potrai vederci bene nel togliere la pagliuzza dall\’occhio del tuo fratello"" Luca 6,41-43Come possono giudicare noi, quando loro in primis sono ipocriti e con travi negli occhi?A dire che noi atei siamo come "macchine impazzite che ammazzano i pedoni" non fanno altro che diostrare quanto falsi e ipocriti siano loro… e comportandosi così vanno contro quello che Gesù predica.Qualcuno ha detto che se Gesù rinascesse oggi prenderebbe a calci nel culo il 99% di coloro che si dicono suoi seguaci!… e quell\’un per cento è Gandhi e il Dalai Lama hehe_!

  2. La mia fede è fede, non intendo basarmi esclusivamente sulla scienza e sulla ragione, perchè sono elementi necessari e importanti, che non possono mancare ma non sono sufficienti. Posso essere d\’accordo su molte cose, poichè tutto ciò che dici è provato e riprovato, oggettivo, ma non oso pensare che dici tutto (oltre il tuo limite c\’è dell\’altro). Credo che una vita possa essere vissuta senza religione, credo che questo non è sinonimo di indecenza. Credo anche che una religione possa aiutare la persona. Che non sia tutto male, se presa nel dosaggio giusto. Credo sia onorevole riuscire ad accettare un qualcosa che va oltre. Ma credo sia umano non accontentarsi. E soprattutto, il mondo è bello perchè vario. – Silvia, sul blog di Marco, settembre 2009 -:-) Nonostante tutto, mi dispiace come sia andata, ma continuerò a leggere (col giusto distacco altrimenti non se ne va a capo mai) interventi polemici e provocatori (se ci saranno ancora) anche se rivolti a credenti, cioè me compresa, perchè comunque, se entro i limiti del buon gusto, sono i più stimolanti e divertenti. Buona serata.

  3. Da non credente sono le parole che ho sempre desiderato sentire da un/una credente 🙂 Vedi Silvia, si può credere, si può non credere, ma io non capisco come molte persone non si pongano domande che qualunque uomo su questa terra dovrebbe porsi. Tu no, tu le domande te le poni, tu non hai paura di arrabbiarti con Dio e sai che senza la ragione e la scienza non si va da nessuna parte. Ci divide la fede, una semplice parolina che contiene centinaia di implicazioni, un qualcosa che in alcuni momenti ho invidiato e invidio ai credenti. Io non credo che la religione possa aiutare la persona, studi statistici ci dicono al massimo che la preghiera può essere d\’aiuto (non certo per un intervento diretto di Dio). Detto questo ti aspetto anche nei prossimi post e auguro anche a te una buona serata!

  4. Domandare e\’ gia un miracolo…chi domanda cerca..l\’indifferenza non domanda.Non sarai da solo, io ci sono! non posso seguirti nella tua strada perche\’ ne ho scelta una diversa, non potro\’ farlo solo in modo razionale, perche\’ so che la fede nasce dal cuore e come l\’amore non trova sempre risposte razionali; Ma se vuoi confrontarti con qualcuno che crede in un Dio che per lei non e\’ leggenda e che ogni giorno cerca di conoscerlo un poco di piu\’ allora sono qui, il tuo chiedere fara\’ bene anche alla mia fede.

  5. X marco: Credo che c\’è solo una cosa che devo dirti, non crederai alla nostra fede in Dio, non crederai alla Parola che egli ci ha dato, non crederai che egli non ha paura degli uomini, ma intanto egli non ha paura di quelli che con le loro idee provocatorie lo rinnegano sai quando Egli morì in croce disse: Padre ,perdona loro perchè non sanno quello che si fanno!!!

  6. dico sempre che è l\’istruzione che fa progredire i popoli e che si deve porre come terreno comune per la coesistenza… tutto il resto (fede religiosa, colore preferito, ecc) sono solo particolari che arricchiscono l\’individuo singolo ma che non possono e non devono isolarlo dal mondo in cui vive. Dividere il mondo tra credenti e non credenti è da cretini, e non può che portarea conflitti, insulti e via dicendo. Non è sulla fede personale (o l\’assenza di essa) che si fonda la pace e il progresso, nè l\’aiuto ai bisongosi o il fare del bene… avere fede può essere un particolare, ma non è di sicuro l\’unica discriminante!!!Ignorerà annamaria perchè per lei o sei credente o sei un depravato che passa il tempo a investire la gente.

  7. Io penso che per essere uomini si debba x forza credere in qlcs, ma nn mi riferisco alla fede. La cosa più importante è credere nelle potenzialità umane, nella possibilità di un futuro migliore x tutti. Qst è quello che mette in moto qlcs dentro di noi che ci fa andare avanti e vivere anche contro ogni visione più pessimistica. Anche La fede in Dio ha bisogno di questi presupposti altrimenti diventa pietismo fine a se stesso. Perciò penso che quello che accomuni credenti e non sia qst visione della vita, comprensiva di difficoltà, di dolore e sofferenza, insomma ………la verità è che siamo tutti sulla stessa barca.In queste 2 settimane non sono stata molto bene in salute e ho avuto bisogno di un pò di aiuto e sostegno, beh mi ha aiutata una "non credente" piena di problemi fino al collo. E\’ stata davvero di sostegno x me. Cosa potrei insegnarle? o testimoniarle?Io sono una credente ma lei mi ha insegnato tante cose e mi ha testimoniato il suo coraggio, la sua forza, la sua determinazione….devo solo esserle grata e prendere esempio da lei ^_^

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: