Le avete rubato i sogni

Poco più di un anno fa, quando facevo ancora il procuratore della Repubblica, è arrivata nel mio ufficio una ragazzina. Faceva il IV anno di Giurisprudenza e mi ha spiegato che voleva scrivere una tesi sulla lentezza dei processi penali in Italia (cause e possibili soluzioni); e che cercava informazioni sul campo, intervistando magistrati e avvocati. Io l’ho guardata un po’ meglio e ho capito che tutto era meno che una ragazzina. Poi ha tirato fuori un registratore e abbiamo parlato per non so quanto tempo; era così acuta e determinata, così pronta a identificare l’essenziale di ogni problema, che le ore sono volate. E’ andata via ringraziandomi garbatamente. Un anno dopo mi è arrivato un grazioso bigliettino (da ragazzina) su cui era scritto “è solo una tesi …” e una pen drive che la conteneva. Sì, era solo una tesi; molto ben scritta e drammaticamente accurata. Poi l’ho dimenticata: quello che lei aveva scritto lo conoscevo fin troppo bene; e ciò che mi divideva da lei era la meditata sfiducia nelle “possibili soluzioni”, tanto più “impossibili” quanto semplici ed efficaci.Qualche giorno fa la ragazzina mi ha mandato una e-mail: “Si ricorda ancora di me?”, era l’oggetto. Mi ha raccontato che fa la cameriera in un paese straniero dove cerca di “imparare una lingua che a scuola non ho mai studiato” e dove frequenta un master in materie che “non hanno nulla a che fare con i miei sogni di bambina”. Io lo sapevo quali erano i suoi sogni: voleva fare il magistrato. Mi aveva detto, mentre discutevamo della sua tesi, che voleva servire il suo paese. Adesso, mi ha scritto, non sogna più; adesso ha capito che “non potevo sprecare la mia vita per salvare un paese che non vuole salvare se stesso. Che non avrei potuto passare la vita ad applicare leggi espressione di un Parlamento che non mi rappresenta: che dei delinquenti potessero promulgare leggi che facciano in modo che la giustizia funzioni sarebbe stata un’illusione alla quale nemmeno la grande sognatrice che ero poteva credere”. Così, ha scritto, ha deciso di “scendere”; e se ne è andata. Adesso studia e lavora in un altro paese, lontana dai suoi affetti e dai suoi luoghi. E’ – così si è definita – “una piccola fuoriuscita” che ogni giorno legge, con altri come lei, il Fatto, ingoiando una rabbia che l’essere scesa dalla giostra non ammorbidisce. “Poi – mi ha scritto – ci sono giorni come oggi, quando il professore ti prende in disparte e ti chiede: ‘What the hell is happening in Italy?’. Questi sono i giorni in cui non mi importa di essere una straniera che fa fatica a trovare il suo posto nel mondo, tutto quello che so èche sono felice di essere scesa”. Adesso non credo che io e molti altri come me potremo dimenticarla; non lei e nemmeno i “piccoli fuoriusciti” suoi amici. E ora che ho finito di raccontare di Paola, vi chiedo: vi rendete conto di cosa avete fatto a una ragazzina?

da Il Fatto Quotidiano del 20 novembre 2009 di Bruno Tinti

3 Risposte

  1. L\’Italia non è più un paese dove si realizzano i sogni, se mai lo è stato.

  2. Quoto. Forse lo è stato (negli anni 60) ma è da parecchio tempo che ormai non lo è più. Un Paese che non vuole che la giustizia funzioni e che non investe nella ricerca è un Paese morto.

  3. Questo avviene in ogni campo: io ho iniziato a studiare archeologia a mille, non vedevo l\’ora di andare e salvare il patrimonio artistico italiano, unico al mondo!Dopo 2 anni, ho scoperto che in italia i fondi per i beni culturali sono stati ridotti negli ultimi 15 anni del 70%; che i concorsi per diventare archeologi per le sopritendenzeci sono una volta ogni 37 anni; che l\’archeologo non è un lavoro riconosciuto in italia; che non ci sono albi professionistici e che quindi anche un muratore può fare l\’archeologo, se gli girano. Ho scoperto che in Italia non lavorano archeologi italiani, perchè l ostato ha dato quasi tutte le concessioni dei siti archeologici migliori alle università straniere; che non esistono corsi di archeologia pratica, ma che uoi prendere un dottorato in archeologia senza mai aver visto un sito archeologico in vita tua; che in italia non esistono specializzazioni serie in disegno archeologico, in conservazione, in chimica di restauro, in metodologie, ma solo specializzazioni generiche e solo prettamente teoriche.Ho praticamente molalto la facoltà: do tre esami all\’anno svogliata e mi guardo attorno per trovare un altro lavoro i un altro campo, e come me sono messi il 70% dei giovani che accedono alla laurea in archeologia.Fa schifo, non c\’è altro da dire.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: